spedizione gratuita su tutti gli ordini sopra i 20€ 💚

CBD ed emicranie: Una revisione della ricerca

Scritto da Zaneta Pacific e rivisto dalla nostra esperta qualificata, Moyra Cosgrove, responsabile della nutrizione di Naturecan, nutrizionista registrato SENR e candidata al DProf alla LJMU

Sommario

  • Attualmente non esiste una cura per l'emicrania.
  • Sono disponibili vari trattamenti per aiutare ad alleviare i sintomi.
  • I ricercatori stanno esplorando se il CBD ha il potenziale per essere un valido trattamento.
  • I risultati dei primi studi su CBD e mal di testa, così come CBD e dolore cronico, sono promettenti.

Introduzione

Le emicranie sono una condizione di salute dolorosa. Solo nel Regno Unito, l'emicrania colpisce circa 10 milioni di persone tra i 15 e i 69 anni.

Durante un attacco di emicrania, si può sperimentare un forte mal di testa, stanchezza, nausea, problemi con la vista, così come la sensibilità alla luce, ai suoni e agli odori.

Con attacchi di emicrania disabilitanti che durano tra le 4 e le 72 ore, e nessuna cura disponibile, il trattamento si concentra sulla prevenzione e la gestione dei sintomi.

 Il CBD e l'emicrania potrebbero essere la cosa giusta da approfondire? Potrebbe benissimo esserlo!

Cos'è il CBD?

Il CBD (abbreviazione di cannabidiolo) è uno dei tanti composti chimici che si trovano nella pianta di cannabis.

 Il CBD non provoca alcun effetto intossicante. Non provoca uno sballo né cambia la vostra percezione della realtà.

 Invece, il CBD è spesso usato come integratore da persone che cercano modi naturali per sostenere il loro corpo e aiutarlo a funzionare al meglio.

Come funziona il CBD e cosa dice la ricerca?

Abbiamo ancora molto da imparare sui cannabinoidi, con nuove ricerche che vengono pubblicate ogni giorno.

 Sappiamo che i cannabinoidi interagiscono con i recettori dei cannabinoidi e, attraverso questa interazione, influenzano vari processi nel nostro corpo.

 I recettori dei cannabinoidi sono solo uno dei tre elementi costitutivi del sistema endocannabinoide; gli endocannabinoidi e gli enzimi sono gli altri due.

cbd per emicrania

Gli endocannabinoidi sono molecole prodotte dal corpo umano che agiscono come messaggeri di messaggi ricevuti dai recettori dei cannabinoidi presenti in tutto il corpo. Ci sono più di 20 diversi recettori di cannabinoidi; CB1 e CB2 sono i più importanti.

 Il ruolo principale dei recettori è quello di regolare e ottimizzare vari processi nel corpo umano, aiutando il corpo e i suoi organi a funzionare bene. Recettori diversi hanno responsabilità diverse. Per esempio, i recettori CB1, presenti in abbondanza nel sistema nervoso, giocano un ruolo nel modo in cui il cervello elabora le informazioni, come il corpo si muove e come sperimenta il dolore.

I recettori CB2 sono più concentrati nel mantenere forte il tuo sistema immunitario, e molti si trovano nelle ossa e nel fegato.

Gli studi sul dolore, la nausea, lo stress e l'insonnia hanno mostrato una relazione tra il sistema endocannabinoide e il modo in cui il nostro corpo affronta questi processi. La relazione tra il sistema endocannabinoide, il CBD e il mal di testa, compresa l'emicrania, è il soggetto della ricerca attuale. Anche se i risultati non sono conclusivi, sono promettenti, e ulteriori ricerche sono molto incoraggiate.

CBD ed emicranie: Può aiutare?

L'associazione del CBD con la cannabis illegale ha limitato la progressione della ricerca fino a poco tempo fa.

 Questa stagnazione è una delle ragioni per cui non abbiamo abbastanza studi umani su CBD e mal di testa, o CBD ed emicranie.

Tuttavia, quello che abbiamo mostra un potenziale. I ricercatori stanno attualmente lavorando per capire l'impatto della cannabis su come gli esseri umani sperimentano il dolore.

Per esempio, una revisione scientifica di numerosi studi clinici randomizzati sull'uso dei cannabinoidi nella gestione del dolore ha concluso che l'aggiunta di cannabinoidi al trattamento tradizionale del dolore difficile è molto promettente.

Un altro studio più recente ha esaminato l'impatto della cannabis su mal di testa ed emicranie.

cbd per mal di testa
olio cbd per mal di testa

I ricercatori sono stati ispirati dalla scoperta che l'uso della cannabis per affrontare il mal di testa è comune, anche se non è stato studiato a fondo. Questo non ci sorprende, visto che il 55% di tutti i clienti di Naturecan usano prodotti a base di CBD per aiutarli a gestire il dolore.


Poiché la ricerca è ancora carente, gli scienziati hanno cercato di colmare questa lacuna esaminando i 12.293 casi di persone che hanno usato la cannabis per trattare il mal di testa e i 7.441 casi in cui l'hanno usata per trattare le emicranie. È interessante notare che i consumatori hanno riportato una riduzione di quasi il 50% dei mal di testa e delle emicranie dopo aver usato cannabis che conteneva vari livelli di CBD e THC.

Tuttavia, sono necessari più studi controllati per comprendere appieno il ruolo di un singolo cannabinoide nel sostenere le persone con emicranie, e questo include il legame tra CBD ed emicranie.

Emicrania cronica e CBD

Alcune persone sperimentano attacchi di emicrania occasionalmente, mentre altre possono sperimentare attacchi regolari.

 Se si verificano emicranie per un minimo di 8 giorni al mese, per 3 mesi, e si verifica anche un comune mal di testa negli altri giorni, allora si potrebbe soffrire di emicrania cronica.

Un affascinante studio del 2020 ha esaminato come l'estratto di canapa ricco di CBD può aiutare le persone che soffrono di dolore cronico e che attualmente usano oppioidi per affrontarlo - un farmaco che è stato scientificamente dimostrato causare effetti avversi e creare dipendenza. Lo studio ha mostrato che più della metà dei pazienti con dolore cronico che hanno iniziato l'uso regolare di CBD hanno ridotto o eliminato i loro oppioidi dopo 8 settimane di integrazione. Inoltre, quasi tutti (94%) hanno riferito che la loro qualità di vita è migliorata.

 Anche se questo studio non era esplicitamente focalizzato sul CBD e le emicranie, è difficile non essere ottimisti sui potenziali benefici del CBD e su ciò che impareremo in futuro.

Sintomi dell'emicrania diversi dal mal di testa e il CBD può aiutare?

Molto spesso, una conversazione su CBD ed emicranie si concentra interamente sull'argomento CBD e mal di testa. Ha senso, dato che un mal di testa lancinante è il sintomo più debilitante per chi soffre di emicrania. Ci sono altri sintomi dell'emicrania che sono relativamente comuni, ma di cui non si parla spesso.

 Il dolore al collo e la rigidità muscolare sono alcuni dei sintomi dell'emicrania che possono comparire prima, durante o dopo un attacco. Il dolore di solito non è così forte come un'emicrania, ma può essere sgradevole e fastidioso.

L'uso di prodotti topici al CBD, come i balsami al CBD o le creme per le articolazioni al CBD direttamente sulla zona interessata, può facilitare il rilassamento dei muscoli tesi e, di conseguenza, ridurre la sensazione di rigidità. 

Mal di testa vs emicrania

Come puoi sapere se soffri di un normale mal di testa e non di un attacco di emicrania? Quando si avverte un mal di testa, è molto probabile che si senta una pressione. Il dolore può essere minore o significativo, possibilmente estendendosi dalla testa al collo o al viso.

 Un comune mal di testa sarà avvertito principalmente nella fronte e nel cuoio capelluto, irradiandosi potenzialmente verso la colonna vertebrale.

 D'altra parte, l'emicrania si sentirà solo su un lato della testa, o un lato della testa sarà significativamente più doloroso dell'altro.

L'emicrania sarà molto probabilmente accompagnata da altri sintomi come nausea, sensibilità alla luce o rigidità del collo.

 
Se soffri di forti mal di testa, è meglio parlare con il tuo medico. Solo un professionista medico può fornirti una diagnosi corretta.

cbd per emicrania

Altri modi per gestire l'emicrania

Non è possibile fermare un attacco di emicrania quando inizia. Tutto quello che si può fare è gestire i sintomi, aspettare e provare alcuni cambiamenti nello stile di vita che potrebbero aiutare a prevenire o ridurre la frequenza e la gravità degli attacchi futuri.

 Prima di tutto, è fondamentale identificare tutti i potenziali fattori scatenanti dell'emicrania. Le persone sperimentano gli attacchi di emicrania in modi diversi, e ciò che potrebbe essere altamente scatenante per alcuni, potrebbe non avere alcun impatto su altri.

 I medici specialisti concordano sul fatto che fare uno sforzo in più per imparare a gestire lo stress in modo efficace e trovare modi sani per rilasciare la tensione può aiutare a prevenire gli attacchi di emicrania. Questo è importante anche se sentite che lo stress della vita quotidiana interferisce con il vostro sonno. È stato dimostrato che dormire, in quantità sane e secondo un programma regolare, aiuta chi soffre di emicrania a sentirsi meglio

Trattamento medico

I farmaci antidolorifici da banco sono un modo comune per affrontare il mal di testa. Alcune persone con emicrania provano anche farmaci antinfiammatori o farmaci da prescrizione (compresi gli antidepressivi e i farmaci antiepilettici).

Anche il trattamento con botox è un'opzione. Sfortunatamente, è impossibile dire quale trattamento medico funzionerà meglio per te. Molte persone provano vari trattamenti disponibili e trovano la soluzione più adatta a loro solo dopo alcuni tentativi ed errori.

 Questo approccio non è diverso dall'uso del CBD. La dose e la forma di consumo che funziona meglio per te potrebbe essere diversa da quella che funziona meglio per un amico. Assicurati di tenere traccia di qualsiasi trattamento tu stia provando, insieme alla frequenza e all'intensità dei tuoi attacchi di emicrania. Solo allora sarete in grado di dire cosa ha funzionato per voi.

cbd per emicrania

Altri potenziali benefici del CBD

Sperimentare attacchi regolari di emicrania potrebbe portare alla depressione o all'ansia.

 Tuttavia, alcuni primi studi sottolineano che il CBD, specialmente se combinato con altri terpeni e cannabinoidi, può aiutare a ridurre gli alti livelli di ansia.

Le potenziali proprietà rilassanti del CBD potrebbero anche aiutare chi soffre di emicrania nella lotta contro le notti insonni. Migliorare l'igiene del sonno è qualcosa che i medici raccomandano a chi soffre di emicrania, ma il disagio provato durante un attacco può rendere difficile addormentarsi.

 Se hai problemi a rilassarti e a spegnerti, potresti voler esplorare ulteriormente il CBD. Le prime ricerche suggeriscono che il CBD contribuisce ad una migliore gestione dello stress e dell'ansia.

Quindi, se state lavorando per migliorare il vostro sonno o semplicemente state cercando un modo per aiutare a trasformare alcuni pensieri ansiosi, potreste beneficiare del CBD.

Come assumere il CBD

Ci sono diversi modi per implementare il CBD nella tua routine quotidiana.

 Se ti piacciono i sapori della terra, dovresti considerare l'olio di CBD. Ha un'alta biodisponibilità e permette un dosaggio preciso.

D'altra parte, se non ti piacciono questi sapori, potresti essere più felice usando capsule di CBD o le caramelle gommose di CBD. I prodotti a base di CBD hanno le migliori possibilità di influire su come ci si sente quando vengono assunti regolarmente, ma non è raccomandato assumere più di 70 mg al giorno.

 Se il tuo problema è il torcicollo o il dolore muscolare causato dall'emicrania, potresti voler vedere se i balsami topici al CBD possono aiutarti a gestire questi sintomi.

Potenziali effetti collaterali del CBD

Il CBD può essere usato in modo sicuro ed efficace. Tende ad essere ben tollerato dalla maggior parte e sembra causare effetti collaterali meno gravi dei farmaci tradizionali. Tuttavia, se stai subendo un qualsiasi trattamento medico per l'emicrania, e il CBD è qualcosa che stai considerando di provare, tieni presente che il CBD può interferire con alcuni farmaci, come gli antidepressivi.

Altri effetti collaterali del CBD includono sonnolenza, nausea o bocca secca. Quando si usano dosi più alte, è possibile sperimentare diarrea, debolezza o eruzioni cutanee, ma questi sono poco comuni alle dosi raccomandate.

 Ti consigliamo di consultare il tuo medico prima di prendere il CBD se stai assumendo qualsiasi medicina prescritta. Non superare la dose massima raccomandata di CBD di 70 mg al giorno. Il CBD non deve essere assunto da chi ha meno di 18 anni, in gravidanza o durante l'allattamento.

Il CBD causa mal di testa?

Il mal di testa non è un effetto collaterale associato al CBD. Uno studio precedentemente discusso del 2020 ha esaminato il mal di testa come effetto collaterale dell'uso della cannabis da parte di chi soffre di emicrania e non ha trovato alcuna correlazione tra i due.

 Il CBD di fornitori fidati rispetta tutte le norme di coltivazione, produzione e test di sicurezza. Questo include la garanzia che non siano presenti contaminanti, evitando così gli effetti indesiderati del loro consumo.

Il CBD ti fa sballare?

No, il CBD non vi farà sballare.

Il CBD è un cannabinoide non intossicante e non compromette la vostra capacità di giudizio né causa perdite di memoria a breve termine. Il THC è il cannabinoide controllato che è associato all'intossicazione, ma non hai nulla di cui preoccuparti quando usi i nostri prodotti perché sono conformi ai regolamenti, avendo livelli non rilevabili di THC.

Il CBD è legale?

Il CBD è legale in Italia e in molti altri paesi europei. Pertanto, i prodotti CBD derivati dalla canapa, come oli, capsule, commestibili o succo da svapo, possono essere venduti e usati in Italia, purché non contengano quantità rilevabili di THC.

Cosa cercare nei prodotti CBD

L'industria del CBD è ancora largamente sottoregolata, quindi devi fare le tue ricerche prima di acquistare qualsiasi prodotto CBD.

 Ecco alcune cose da tenere a mente quando si acquistano prodotti CBD:

  • Compra prodotti fatti con canapa coltivata in modo biologico
  • Cercare marche che testano i loro prodotti in laboratori indipendenti
  • Stia lontano dalle marche che fanno false dichiarazioni mediche
  • Evitare prodotti con quantità illegali di THC

Conclusioni

  • I primi studi suggeriscono che il CBD può essere utile nella gestione dei sintomi associati agli attacchi di emicrania.
  • Il CBD può contribuire a un sonno migliore e a una minore ansia - comuni fattori scatenanti dell'emicrania.
  • Le persone che si sottopongono a trattamenti per l'emicrania dovrebbero consultare il proprio medico prima di usare integratori di CBD.
  • Gli studi attuali mostrano abbastanza promesse per incoraggiare ulteriori ricerche sul CBD come potenziale trattamento dei sintomi dell'emicrania.