Spedizione gratuita per tutti gli ordini sopra i 20€

COME INFLUISCE IL CBD SUL DOLORE?

Riassunto:

  • Ci sono molti tipi diversi di dolore, tra cui il mal di schiena, il dolore cronico, l'artrite e il dolore articolare
  • Gli studi dimostrano che il CBD può aiutare il corpo a riparare le cellule danneggiate e a mantenere uno stato interno equilibrato.
  • Il CBD può anche influenzare il modo in cui percepiamo il dolore attraverso il sistema nervoso e diminuire la sensibilità al dolore.

A seconda di come si usa l'olio di CBD, può avere una grande varietà di benefici.Il CBD topico sta diventando un'opzione sempre più popolare per le persone che soffrono di dolore, perché può essere applicato direttamente dove è necessario.

Mentre molte opzioni di gestione del dolore sono limitate o coinvolgono farmaci che creano dipendenza, il CBD offre una soluzione completamente naturale che non causa dipendenza in chi lo usa.

Cos'è il dolore?

L'Associazione internazionale per lo studio del dolore definisce il dolore come "un'esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata a, o simile a, un danno reale o potenziale ai tessuti".Quando le cellule del corpo rilevano un danno ai tessuti, segnalano al cervello attraverso il sistema nervoso che qualcosa potrebbe essere sbagliato.

Il cervello traduce questo in una sensazione di dolore, quindi reagiamo evitando ciò che lo sta causando. Per esempio, toccare una superficie calda ci farà sentire dolore e contrarre immediatamente i nostri muscoli mentre ci allontaniamo dalla superficie. Questo è un esempio di dolore acuto, che sorge rapidamente in risposta a una lesione specifica.D'altra parte, un'analisi del 2016 mostra che il 43% della popolazione britannica vive con un dolore cronico. Questo tipo di dolore dura tipicamente più di sei mesi ed è causato da problemi sottostanti.

Cos'è il CBD?

Il CBD, o cannabidiolo, è uno dei circa 140 cannabinoidi presenti nella pianta di Cannabis sativa. Non è inebriante, il che significa che non ti fa "sballare" o compromette le funzioni cognitive. È stato dimostrato che il CBD aiuta a sostenere molte condizioni di salute, compreso il dolore.

 È possibile acquistare e consumare legalmente il CBD in Italia a condizione che i livelli di THC (la componente inebriante della cannabis) siano inferiori allo 0,3%. Tutti i prodotti Naturecan CBD contengono livelli non rilevabili di THC; puoi leggere il nostro processo di estrazione del CBD qui.

Come funziona il CBD?

Il CBD influenza il sistema endocannabinoide del corpo (ECS), che è una complessa rete di segnalazione cellulare costituita da tre componenti principali:

 - Endocannabinoidi
- Enzimi
- Recettori dei cannabinoidi

 Gli endocannabinoidi sono molecole neurotrasmettitoriali che si legano ai recettori dei cannabinoidi nel nostro sistema nervoso centrale, nel sistema nervoso periferico e nelle cellule immunitarie.

 Questi recettori sono attaccati a cellule specifiche del corpo. Gli endocannabinoidi si legano ad essi e trasmettono segnali dal cervello. Le cellule rispondono poi a questi segnali agendo sulle informazioni trasmesse. Nel caso di una lesione, gli endocannabinoidi si rivolgono ai recettori nell'area interessata per alleviare il dolore e alle cellule immunitarie vicine per alleviare l'infiammazione e iniziare il processo di guarigione.

 Una volta che gli endocannabinoidi hanno fatto il loro lavoro, il corpo produce enzimi per scomporli. Il nostro ECS regola diverse funzioni vitali del corpo attraverso questo processo. Purtroppo, se i nostri livelli di endocannabinoidi sono bassi, il nostro ECS fa fatica a comunicare e a mantenere l'equilibrio tra i diversi sistemi del corpo.

 Ci sono molti modi per aumentare i livelli di endocannabinoidi, come l'esercizio fisico regolare. Anche l'integrazione di CBD aumenterà i livelli di cannabinoidi nel corpo.

cos'è il sistema endocannabinoide

Quali sono gli effetti del CBD?

Anche se la ricerca sugli effetti del CBD è limitata, quello che sappiamo sembra molto promettente. A seconda di come si assume il CBD, può avere effetti diversi. Poiché i recettori dei cannabinoidi si trovano in tutto il corpo, è possibile colpire aree specifiche ingerendo o applicando topicamente il CBD.

 Ecco i principali effetti del CBD:

CBD ingeribile

Il CBD che ingerisci o prendi per via sublinguale (sotto la lingua) alla fine si fa strada nel flusso sanguigno, dove può circolare in tutto il tuo sistema.

 Naturalmente, prendere il CBD in questo modo ha una gamma più ampia di effetti: può avere un impatto sull'umore interagendo con i recettori della serotonina nel cervello e può anche aumentare i livelli dei tuoi endocannabinoidi naturali inibendo gli enzimi FAAH responsabili della scomposizione dell'anandamide - un endocannabinoide comune.

L'anandamide è collegata a un umore più felice, a una maggiore tolleranza al dolore e a una diminuzione della paura e dell'ansia. Alcuni dicono anche che il nostro ECS è il ponte tra il nostro cervello e il nostro intestino. Studi recenti confermano che la salute dell'intestino è collegata alla salute fisica e mentale, poiché entrambi usano gli stessi recettori, neuroni e neurotrasmettitori.

cbd snack

La ricerca suggerisce anche che una carenza di endocannabinoidi può causare molte condizioni di salute comuni ma incurabili, come la sindrome dell'intestino irritabile. Uno dei modi per aumentare i tuoi livelli di cannabinoidi è prendere un integratore di cannabinoidi, come il CBD.

CBD creme

Creme CBD

Applicare il CBD sulla pelle è uno dei modi migliori per sostenere il recupero dal dolore e dall'infiammazione.

 Anche se il CBD applicato topicamente non viene assorbito nel flusso sanguigno, interagisce con i recettori ECS direttamente nelle cellule interessate. Poiché il CBD ha effetti antinfiammatori e antiossidanti, può aiutare a lenire le cellule della pelle irritate o danneggiate. Molti atleti in tutto il mondo stanno usando le creme muscolari al CBD per aiutare il recupero da lesioni, tensione muscolare e indolenzimento.

Effetti dell'olio di CBD sul dolore

Il CBD può supportare il recupero da dolori e sofferenze, e il CBD topico può offrire un conforto mirato dove è più necessario. Anche se ancora nelle sue fasi iniziali, la ricerca indica che il CBD può avere un effetto positivo sulla gestione del dolore.

CBD e dolore alla schiena

Il mal di schiena può derivare da diverse condizioni di salute e durare solo pochi giorni o trasformarsi in dolore cronico.

 In una revisione degli studi del 2020, i ricercatori hanno scoperto che l'uso di olio di CBD per sette giorni può aiutare a ridurre il dolore alla schiena.

 Precedenti studi clinici hanno dimostrato che il CBD può aiutare le persone che soffrono di dolore cronico sostenendo il recupero dalla causa sottostante al dolore. Per esempio, gli studi hanno scoperto che il CBD ha effetti positivi sulla qualità del nostro sonno, che può ridurre la sensibilità al mal di schiena.

 Il CBD può anche aiutare ad alleviare l'ansia, che è spesso la causa del dolore, poiché l'ansia aumenta i nostri livelli di cortisolo e ritarda il naturale processo di guarigione del corpo. E infine, gli effetti antinfiammatori del CBD hanno dimostrato di contribuire alla riduzione del mal di schiena.

cbd per mal di schiena

Questo non è una sorpresa se pensiamo a come il CBD influenza il sistema endocannabinoide, che regola la percezione del dolore nel corpo. Prove da studi su animali mostrano anche che il CBD può interagire con il nostro sistema nocicettivo (rilevamento del dolore) e influenzare il modo in cui sperimentiamo il dolore.

CBD e dolore cronico

Il dolore cronico dura tipicamente più di sei mesi e può continuare anche dopo che la fonte del dolore, come una ferita o una malattia, è scomparsa da tempo.

 Questo è causato da segnali di dolore che rimangono attivi nel sistema nervoso, spesso senza alcuna causa apparente. Si può sperimentare il dolore cronico a causa di diverse condizioni di salute sottostanti che possono richiedere anni per essere diagnosticate e trattate correttamente.

 Un rapporto sul CBD e il dolore cronico generale ha trovato prove sostanziali che il CBD può sostenere il recupero dal dolore cronico negli adulti. Un altro studio nel Journal of Experimental Medicine ha confermato che il CBD potrebbe contribuire a ridurre i livelli di dolore e infiammazione. Il CBD offre anche un'alternativa non assuefacente e a basso rischio ai popolari farmaci antidolorifici, secondo le prove di una revisione di studi del 2018. I ricercatori hanno aggiunto che il CBD non provoca la formazione di una tolleranza, il che significa che non sarà necessario aumentare il dosaggio nel tempo. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che il CBD potrebbe offrire un modo più naturale di sostenere la salute delle persone con dolore cronico senza causare effetti collaterali dannosi. 

CBD e Artrite

La ricerca indica anche che il CBD può influenzare positivamente il dolore legato all'artrite. Ci sono più di cento diversi tipi di artrite, ognuno con sintomi e cause uniche, ma il dolore è un fattore comune.

 Poiché il CBD può interagire con i recettori nel cervello e con le cellule immunitarie, può sostenere il recupero dal dolore e dall'infiammazione per coloro che hanno l'artrite.

Uno studio del 2016 ha scoperto che l'uso topico del CBD era legato alla riduzione del dolore e dell'infiammazione associati all'artrite. Uno studio sui ratti ha confermato che il CBD può influenzare il modo in cui i recettori del dolore nel corpo rispondono agli stimoli, forse riducendo la sensibilità al dolore.

 La Arthritis Foundation ha condotto un sondaggio sull'artrite e il CBD mostrando che quasi l'80% delle persone che hanno a che fare con il dolore legato all'artrite stavano usando il CBD, lo avevano usato in passato o stavano considerando attivamente di usarlo per aiutare ad alleviare il loro dolore.

Coloro che usano il CBD hanno riportato miglioramenti nel sonno, nel benessere generale, e nel dolore e nella rigidità causati dalla condizione.

cbd per artrite

Tuttavia, il CBD potrebbe non supportare tutte le condizioni di artrite. L'artrite reumatoide è una comune condizione autoimmune che causa dolorose infiammazioni e rigidità delle articolazioni. I farmaci da prescrizione sono necessari per prevenire danni più permanenti al corpo, e poiché il CBD potrebbe potenzialmente interagire con i comuni farmaci per l'artrite, assicuratevi sempre di consultare il vostro medico prima di usare il CBD per aiutare ad alleviare i sintomi delle condizioni di salute. 

CBD e dolore alle articolazioni

Il dolore alle articolazioni può rendere il movimento incredibilmente doloroso e scomodo per le persone. Lesioni dovute all'esercizio fisico eccessivo, una vita sedentaria o condizioni sottostanti, più comunemente l'artrite, contribuiscono al dolore articolare. Quando le persone invecchiano, è molto probabile che sperimentino dolori articolari in una forma o nell'altra.

 L'osteoartrite è il tipo più comune di artrite in cui la cartilagine tra le articolazioni si consuma, e le ossa sfregano le une contro le altre, causando molto dolore. Il CBD può offrire conforto in due modi: si rivolge direttamente alla zona colpita per sostenere il recupero, e interagisce anche con il sistema nervoso centrale, che invia segnali di dolore al cervello quando rileva le cellule danneggiate.

 Uno studio pubblicato sulla rivista Pain ha scoperto che il CBD potrebbe fornire un conforto mirato per il dolore articolare nei ratti con osteoartrite, bloccando le risposte infiammatorie che peggiorano la malattia. Poiché il CBD ha proprietà antinfiammatorie, potrebbe anche contribuire a ridurre il dolore articolare causato da condizioni infiammatorie.

 Mentre molti pazienti che lottano contro il dolore articolare riportano effetti positivi dall'uso del CBD, devono ancora essere fatti più studi clinici. In studi su animali su CBD e dolore, il CBD topico ha anche dimostrato di ridurre efficacemente sia il dolore che l'infiammazione.

Quanto tempo ci vuole perché l'olio di CBD faccia effetto?

L'olio di CBD è uno dei mezzi di assunzione del CBD ad azione più rapida, e tipicamente inizia ad agire entro 15 minuti o mezz'ora dopo averlo assunto per via sublinguale (sotto la lingua).

Gli effetti dell'olio di CBD dovrebbero anche durare da quattro a sei ore dopo il consumo. L'uso dell'olio di CBD è uno dei modi più efficaci per assumere CBD, perché può essere assorbito direttamente nel flusso sanguigno attraverso i capillari sotto la lingua. Qualsiasi avanzo di CBD che non viene assorbito può essere ingoiato e digerito, dove farà effetto subito dopo.

 Quanto tempo ci vuole esattamente perché l'olio di CBD funzioni dipende da diversi fattori: la tua altezza, il peso corporeo, la massa muscolare, il tuo metabolismo e i livelli di attività, e anche la tua genetica. Alcune persone possono notare gli effetti dell'olio di CBD solo un paio di minuti dopo l'assunzione, mentre per altri può essere necessaria fino a un'ora.

In generale, più alto è il tuo metabolismo e i tuoi livelli di attività, più velocemente può circolare nel tuo sistema e dispiegare i suoi effetti. Ecco una rapida panoramica di quanto tempo impiegano in media i vari prodotti CBD per funzionare:

cbd olio

CBD Olio

Entro 30 minuti

cbd capsule

CBD Capsule

Fino a 2 ore

cbd snacks

CBD Snack

Fino a 2 ore

cbd liquidi

Liquidi CBD

Immediatamente

cbd creme

Creme CBD

Entro un'ora

Come si usa il CBD?

Ci sono molti prodotti diversi di CBD là fuori, quindi dovresti essere in grado di trovare quello più adatto alle tue esigenze e al tuo stile di vita. Quando si usa il CBD per aiutare il recupero naturale del corpo da dolori e malesseri, alcune forme possono funzionare meglio di altre.

 Le tinture di olio di CBD sono un ottimo modo per beneficiare dei suoi effetti in modo rapido e più intenso, grazie alla loro alta biodisponibilità. Poiché il CBD può essere assorbito direttamente nel flusso sanguigno senza essere metabolizzato dallo stomaco e dal fegato, una quantità maggiore di esso entrerà in circolazione, dove avrà effetto.

 Puoi usare l'olio di CBD per via sublinguale applicando un paio di gocce di olio di CBD sotto la lingua e tenendole lì per circa un minuto senza deglutire. Questo gli permette di essere assorbito dalla mucosa della bocca, dove può raggiungere il flusso sanguigno in pochi minuti. Per ulteriori informazioni su come prendere il CBD, date un'occhiata al nostro articolo del blog qui.

come assumere cbd
how to apply cbd on the skin

Un altro modo di usare il CBD è l'applicazione di prodotti topici al CBD, come la Crema CBD all'Arnica, direttamente sulle aree dolorose.

 Il CBD in crema può essere assorbito direttamente nelle cellule della pelle, dove interagisce con i recettori locali dei cannabinoidi per favorire il recupero dal dolore e dall'infiammazione.

 Raccomandiamo di applicare un sottile strato di crema al CBD sulla pelle due o tre volte al giorno per ottenere i migliori risultati. Per un aiuto nel trovare il tuo dosaggio ottimale di CBD, prova il nostro calcolatore di dosaggio del CBD.

Altri usi del CBD

Interagendo con il nostro ECS, il CBD può avere un ampio spettro di benefici. Oltre al dolore, il CBD può aiutare l'ECS a sostenere funzioni vitali come il sonno, l'umore, il metabolismo, la salute della pelle e il benessere generale. È stato persino dimostrato che il CBD offre benefici alla salute degli animali domestici!

CBD effetti collaterali

Il CBD colpisce tutti in modo diverso, ma quando si assume la dose corretta di un prodotto CBD di alta qualità, è molto improbabile che si verifichino effetti collaterali. Se lo fai, tuttavia, questi sono alcuni degli effetti collaterali riportati:

  • Bocca Secca
  • Diarrea
  • Perdita di appetito
  • Sonnolenza
  • Abbassamento pressione sanguigna

 Anche se il CBD è generalmente ben tollerato e ha un basso profilo di rischio (secondo l'OMS), l'assunzione di una dose sbagliata o di un prodotto di scarsa qualità può causare l'esperienza di questi spiacevoli effetti collaterali. Non dovresti assumere più di 70 mg di CBD in un giorno, e raccomandiamo sempre di controllare i risultati di laboratorio di terzi prima di acquistare qualsiasi prodotto a base di CBD.

 Gli effetti collaterali del CBD sono spesso causati da controlli di scarsa qualità e da ingredienti nocivi che finiscono nei prodotti finali. Il CBD può anche interferire con altri farmaci, quindi consulta sempre un medico prima di combinare il CBD con altri farmaci, perché potrebbe renderli meno efficaci e causare effetti collaterali indesiderati.

Takeaway

Il dolore colpisce milioni di persone in tutto il mondo, e i trattamenti sono spesso limitati. Ci sono diversi tipi di dolore, tra cui il dolore cronico, il mal di schiena, l'artrite e i dolori articolari. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, il CBD può aiutare a sostenere queste condizioni.

Il CBD interagisce con il sistema nervoso, che invia segnali di dolore al cervello, quindi può anche contribuire a ridurre la sensibilità al dolore. Il CBD non crea dipendenza e ha un profilo di rischio relativamente basso senza effetti collaterali dannosi. Il modo migliore per usare il CBD per sostenere il recupero dal dolore è con l'olio di CBD o le creme di CBD. Assicurati solo di controllare i risultati di laboratorio di terze parti prima di usare qualsiasi prodotto CBD. Puoi vedere i certificati di analisi di tutti i prodotti Naturecan CBD qui!

Fonti

Disclaimer: Attualmente non ci sono prove sufficienti per sostenere l'uso del CBD nelle condizioni sopra menzionate e questo testo non riflette assolutamente gli usi raccomandati. Chiedi sempre il parere del tuo medico se stai assumendo farmaci prescritti o se stai pensando di usare il CBD per la tua condizione.