spedizione gratuita su tutti gli ordini sopra i 20€ 💚

CBD e rugby

Il CBD è usato da un numero crescente di giocatori di rugby professionisti come alternativa naturale agli antidolorifici. Tuttavia, se il CBD deve diventare mainstream, sono necessari più studi a lungo termine sulla sua sicurezza, e i giocatori devono essere educati sui rischi di una violazione anti-doping.

cbd e rugby

Sollievo naturale dal dolore

Il rugby è uno degli sport più impegnativi al mondo dal punto di vista fisico. Il recupero si basa sul lavoro di forza e condizionamento, sull'alimentazione, sul riposo e sul sonno, ma alcuni giocatori scoprono che questo non è sufficiente. Molti giocatori prendono antidolorifici regolarmente a causa del carico costante posto sul corpo.

 Gli antidolorifici possono essere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), che sono noti per causare problemi intestinali e non dovrebbero essere presi per lunghi periodi o a stomaco vuoto - tuttavia, alcuni giocatori ricorrono a oppioidi molto forti come il Tramadol, che crea dipendenza. Quindi, se è disponibile un prodotto naturale come il CBD che può offrire alcuni benefici, è probabile che i giocatori siano interessati a provarlo.

La necessità dell'istruzione

L'anno scorso, la Liverpool John Moores University ha condotto uno studio sull'uso del CBD tra 517 giocatori professionisti di rugby. La maggior parte di loro non lo aveva mai usato, ma un quarto lo aveva fatto almeno una volta, e l'8% ha continuato a farlo. I benefici riportati includevano:

  • miglioramento del sonno
  • sollievo dal dolore
  • riduzione dell'infiammazione

Il professor Graeme Close, consulente della squadra di rugby inglese, ha lavorato a questo studio e dice che i giocatori devono essere istruiti sui rischi di una violazione anti-doping, nonostante il CBD non sia sulla lista delle sostanze vietate dell'Agenzia Mondiale Anti-Doping.

 "Il fatto che i giocatori non ricevano consigli qualificati è preoccupante", spiega il professor Close. "Nella pianta di canapa ci sono ben oltre 100 cannabinoidi. Solo uno di loro non è proibito dalla Wada e tutti gli altri lo sono. Quindi, se un atleta sta assumendo CBD, abbiamo bisogno di sapere che lo sta prendendo da una fonte dove sappiamo che non ci sono altri cannabinoidi che potrebbero fallire un test anti-doping".

cbd e rugby

Stabilire la sicurezza del CBD

Naturecan ha collaborato con la Liverpool John Moore's University e il team di ricerca sul CBD guidato dal professor Close. Moyra Cosgrove, Head of Nutrition di Naturecan, sta lavorando al suo dottorato professionale in questo team, in particolare sul potenziale uso del CBD negli atleti.

 "Naturecan si rende conto che il suo successo è costruito sulla sicurezza del consumatore e sulla fiducia nel marchio", dice. "La ricerca in corso alla LJMU risponderà ad alcune delle domande essenziali sull'uso del CBD".

 Allo stato attuale, gli atleti devono essere consapevoli dei rischi anti-doping associati al CBD, e si raccomanda loro di prendere consigli qualificati sull'uso di qualsiasi integratore, compreso il CBD. "Se possiamo stabilire che è sicuro dal punto di vista della salute, possiamo eventualmente capire se si accumulano i cannabinoidi non CBD che sono ancora proibiti dalla Wada", dice il professor Graeme Close.

 "Allora potremmo avere una nuova ed eccitante strada per aiutare ad alleviare il dolore, il sonno e la rigenerazione muscolare - tre cose davvero importanti". C'è anche una certa letteratura in modelli animali che potrebbe aiutare con le lesioni cerebrali - commozione cerebrale". Mentre i club e gli organi di governo menzionano il CBD nei colloqui anti-doping, il professor Close ritiene che la questione debba essere affrontata più direttamente con i giocatori.

 "La cosa peggiore che potremmo fare è ignorare, mettere la testa sotto la sabbia e non avere queste conversazioni", dice. "Dobbiamo spiegare agli atleti i rischi di violazione delle regole antidoping... Ma penso anche che dobbiamo essere un po' eccitati perché questa è una delle aree più eccitanti e nuove della ricerca sulla nutrizione sportiva che ho visto in 20 anni come accademico che lavora nella nutrizione sportiva".

Informazioni sul Prof. Graeme Close

Ex giocatore professionista di Rugby League, Graeme è professore di fisiologia umana alla Liverpool John Moores University e consulente esperto di nutrizione per l'England Rugby.

 È anche consulente nutrizionale dell'Everton FC e del Nottingham Forest, nonché responsabile della nutrizione per la Lawn Tennis Association e l'European Tour Golf.

graeme close