40% di sconto sugli oli cbd da 30 ml, solo per un periodo limitato

CBD e Parkinson: Cosa dice la ricerca?

CBD e Parkinson: Cosa dice la ricerca?

Sommario:

  • La malattia di Parkinson è un disturbo neurologico che causa tremori e problemi di movimento.
  • Non esiste una cura per questa patologia, quindi il trattamento mira ad alleviare i sintomi.
  • Il CBD è un composto bioattivo della canapa che sta suscitando l'interesse di scienziati e medici per i suoi potenziali benefici per la salute.
  • La ricerca sul CBD e il Parkinson è ancora agli inizi, ma alcuni risultati sono promettenti.

La malattia di Parkinson è un disturbo del movimento cronico e progressivo che colpisce circa 10 milioni di persone in tutto il mondo.

 Si verifica quando le cellule nervose del cervello muoiono o funzionano male, causando problemi di movimento, equilibrio e coordinazione. In genere la malattia progredisce gradualmente e le persone possono chiedere una diagnosi solo quando i sintomi diventano evidenti o interferiscono con la loro vita quotidiana.

A questo punto la malattia può essere in fase avanzata. Sebbene siano disponibili trattamenti per alleviare i sintomi del Parkinson, i ricercatori esplorano continuamente nuove potenziali terapie che potrebbero cambiare la vita delle persone.

Uno di questi filoni di ricerca è il CBD e la malattia di Parkinson. Il CBD o cannabidiolo è un composto naturale della canapa che ha mostrato un potenziale in diverse aree di ricerca. In questo articolo esploreremo lo stato attuale delle prove scientifiche per verificare se il CBD potrebbe aiutare le persone affette dal morbo di Parkinson.

Che cos'è il Parkinson?

La malattia di Parkinson è un disturbo del sistema nervoso. È neurodegenerativa, cioè causa il graduale deterioramento delle cellule cerebrali e nervose.

 La condizione deriva dalla perdita di neuroni dopaminergici in una parte del cervello chiamata substantia nigra, che si trova nei gangli basali del mesencefalo. Questi neuroni o cellule nervose producono dopamina, un neurotrasmettitore che aiuta i nervi a comunicare. La perdita di queste cellule porta a una carenza di dopamina nel cervello.

 Poiché la dopamina è essenziale per il normale movimento, la persona sviluppa tremori, il sintomo principale del Parkinson. Gli esperti non sono certi del motivo per cui alcune persone sviluppano il Parkinson, ma ritengono che si tratti di una combinazione di fattori genetici e ambientali.

 Ad oggi non esiste una cura e non esistono farmaci in grado di modificare il decorso della malattia, ma diverse opzioni terapeutiche possono fornire un certo sollievo dai sintomi.

Sintomi del Parkinson

I sintomi del Parkinson sono diversi per ognuno, ma il più comune è di solito il tremore o tremore. Il tremore spesso inizia in una mano o in un braccio e può estendersi alla gamba e al piede dello stesso lato del corpo.

 Il tremore può comportare lo sfregamento del pollice e dell'indice avanti e indietro, che i medici chiamano "tremore di rotolamento della pillola". La mano può tremare anche a riposo. Con il progredire della malattia, il tremore può diventare più pronunciato e frequente.

CBD e morbo di Parkinson

Altri sintomi della malattia di Parkinson includono:

  • Rigidità: La rigidità dei muscoli può rendere difficile muoversi o svolgere attività semplici come abbottonare una camicia.
  • Bradicinesia: si riferisce alla lentezza dei movimenti. Le persone possono impiegare più tempo per camminare, alzarsi da una sedia o svolgere altre attività quotidiane.
  • Instabilità posturale: Le persone possono avere difficoltà a stare in piedi o a mantenere l'equilibrio, il che aumenta il rischio di cadute.

Poiché il Parkinson colpisce anche il sistema nervoso autonomo, le persone affette da questa malattia possono manifestare:

  • Cambiamenti nel linguaggio e nella deglutizione
  • Costipazione
  • Sudorazione eccessiva o diminuzione della capacità di sudare
  • Problemi urinari
  • Problemi di pelle
  • Affaticamento
  • Cambiamenti nel sonno

Con il progredire della malattia, i sintomi possono diventare più gravi e le persone possono avere difficoltà nella vita quotidiana. Nelle fasi più avanzate, le persone possono sviluppare la demenza.

CBD e Parkinson: Cosa dice la ricerca?

Il CBD, o cannabidiolo, è un composto naturale e non intossicante presente nella pianta di canapa. Le ricerche suggeriscono che può essere utile per il dolore, l'infiammazione, i problemi del sonno e il benessere generale. Anche se molte ricerche sono nuove e piuttosto limitate, alcuni studi hanno dimostrato che il CBD e il morbo di Parkinson sono promettenti.

Dolore

Il dolore e l'infiammazione possono colpire le persone affette dalla malattia di Parkinson. In un piccolo studio del 2014 su 22 persone con Parkinson, i ricercatori hanno scoperto che la cannabis medica aiutava ad alleviare il dolore.

 Tuttavia, poiché la cannabis medica contiene sia CBD che tetraidrocannabinolo (THC), non è stato possibile specificare quale composto fosse responsabile dei risultati. Tuttavia, gli studi sugli animali suggeriscono che anche il CBD da solo può avere questo effetto.

CBD e Parkinson

Tremori

Il movimento muscolare incontrollato o distonia è una caratteristica distintiva del Parkinson.Un vecchio studio del 1986 che utilizzava il CBD su cinque soggetti con disturbi del movimento ha rilevato un miglioramento della distonia fino al 50%. Tuttavia, due soggetti hanno sperimentato un peggioramento del tremore a riposo a dosi più elevate.

 Un recente studio del 2020 su CBD e Parkinson si è concentrato sugli effetti dell'Epidiolex - un farmaco che richiede la prescrizione medica - sui tremori in 13 partecipanti. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) del Regno Unito hanno approvato questo farmaco a base di CBD per il trattamento di due rare forme di epilessia, ma attualmente non è approvato per il trattamento della malattia di Parkinson.

 I ricercatori hanno concluso che il CBD sotto forma di Epidiolex potrebbe essere utile per il morbo di Parkinson, ma hanno avvertito che le dosi relativamente elevate utilizzate nello studio erano associate a un aumento degli enzimi epatici. I ricercatori consigliano di effettuare studi randomizzati e controllati su larga scala per studiare a fondo questi effetti.

Psicosi

Alcuni individui con malattia di Parkinson sperimentano la psicosi come complicazione, soprattutto nelle fasi più avanzate. Gli esperti stimano che fino al 50% dei soggetti affetti da Parkinson presenti sintomi di allucinazioni, delirio e deliri.

Esistono poche ricerche sul CBD e sulla psicosi legata al Parkinson, a parte un piccolo studio del 2009. I ricercatori hanno esaminato gli effetti del CBD su sei soggetti affetti da psicosi da almeno tre mesi. Hanno riscontrato che il CBD è riuscito a ridurre la gravità dei sintomi senza causare effetti collaterali.

Dormire

I problemi del sonno sono comuni nelle persone con malattia di Parkinson. Tra questi vi sono l'insonnia, la sonnolenza diurna e il disturbo del sonno con movimento rapido degli occhi (RBD).

 Anche in questo caso, la ricerca sul CBD e sui problemi del sonno associati al Parkinson è limitata. Tuttavia, un piccolo studio del 2014 condotto su quattro partecipanti ha indicato che il CBD potrebbe aiutare a risolvere alcuni di questi sintomi di disturbo.

CBD e Parkinson

Qualità della vita

Vivere con una malattia cronica come il Parkinson può avere un impatto negativo sulla qualità della vita a causa dei sintomi fisici e degli effetti sociali ed emotivi della malattia.

 In uno studio del 2014 i ricercatori hanno esaminato se l'olio di CBD potesse essere d'aiuto. Hanno selezionato 21 persone con malattia di Parkinson senza demenza o complicazioni psichiatriche. I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: placebo, CBD a 75 mg al giorno o CBD a 300 mg al giorno.

 Sebbene i ricercatori non abbiano riscontrato differenze statisticamente significative nei punteggi motori, ci sono state differenze significative nei punteggi della qualità della vita tra il gruppo placebo e quelli che hanno ricevuto 300 mg di CBD al giorno.

Tuttavia, gli autori avvertono che studi con campioni più ampi aiuterebbero a trarre conclusioni definitive. Va inoltre ricordato che la dose massima giornaliera raccomandata dalla Food Standards Agency di CBD per i consumatori (non medici) è di 70 mg al giorno.

Il CBD è sicuro?

Sì, il CBD è generalmente considerato sicuro. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ritiene che il CBD sia ben tollerato con un buon profilo di sicurezza. Tuttavia, come molti integratori e rimedi naturali, il CBD può interagire con i farmaci da prescrizione e da banco. È quindi importante discutere del CBD con il proprio medico per ridurre al minimo il rischio di interazioni farmacologiche o effetti collaterali.

Il CBD ha effetti collaterali?

La maggior parte delle persone tollera il CBD senza problemi. Tuttavia, è possibile che si verifichino lievi effetti collaterali, quali:

  • fatica
  • diarrea
  • cambiamenti nell'appetito
  • aumento o perdita di peso
  • sonnolenza
  • bocca secca
  • nausea

Tuttavia, è bene ricordare che questi effetti collaterali sono spesso causati dal superamento della dose giornaliera raccomandata o dall'uso di prodotti di bassa qualità.

Altri trattamenti comuni per il Parkinson

I medici possono consigliare farmaci, terapie di supporto come la fisioterapia o interventi chirurgici per aiutare i sintomi del Parkinson.

Farmaci

I farmaci possono migliorare i sintomi primari del Parkinson, come tremori e problemi di movimento. La levodopa è uno dei farmaci più efficaci.

 Si tratta di una sostanza chimica naturale che si converte in dopamina per ripristinare i livelli esauriti. Nonostante la sua efficacia, però, la levodopa può causare effetti collaterali in alcuni pazienti, come agitazione, confusione e nausea.

Può anche causare un tremore non correlato alla malattia di Parkinson. I medici possono anche consigliare agonisti della dopamina che imitano gli effetti della dopamina o inibitori delle MAO-B che impediscono la degradazione della dopamina. Questi farmaci possono non essere utili per tutti e presentano diversi rischi associati.

Terapie di supporto

La fisioterapia, la terapia occupazionale e la terapia del linguaggio e della parola possono facilitare la convivenza con la malattia di Parkinson e aiutare le persone a gestire i sintomi. Alcune persone possono anche scoprire che apportare modifiche alla dieta può migliorare i loro sintomi.

 Questi cambiamenti possono includere l'aumento delle fibre per ridurre la stitichezza e il consumo di pasti piccoli e regolari per evitare problemi come la pressione bassa e le vertigini.

Chirurgia

In alcuni casi, i medici possono consigliare un tipo di intervento chirurgico chiamato stimolazione cerebrale profonda per trattare la malattia di Parkinson.

 L'intervento prevede l'impianto di un dispositivo simile a un pacemaker cardiaco nella parete toracica e il passaggio di elettrodi dal dispositivo alle parti del cervello colpite dal Parkinson. Una piccola corrente elettrica stimola il cervello e aiuta ad alleviare i sintomi in alcuni individui.

Conclusioni

Il CBD è un composto presente nelle piante di canapa che viene studiato per i suoi potenziali effetti terapeutici. Le prime ricerche suggeriscono che questo composto bioattivo naturale può contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone affette da Parkinson.

 Sebbene il CBD sia promettente, molti studi che ne sostengono l'uso sono piccoli e presentano limitazioni. Sono quindi necessari studi clinici su larga scala per comprendere la relazione tra CBD e malattia di Parkinson. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche sul CBD e il Parkinson, in generale il CBD è considerato sicuro.

 Tuttavia, come molti integratori e rimedi naturali, può potenzialmente interagire con i farmaci. Pertanto, è importante parlare con il proprio medico prima di assumere CBD, soprattutto se si è in trattamento per il morbo di Parkinson.

Disclaimer: attualmente non ci sono prove sufficienti a sostegno dell'uso del CBD nelle condizioni sopra menzionate e questo testo non riflette in alcun modo gli usi raccomandati. Chiedete sempre il parere del vostro medico curante se state assumendo farmaci prescritti o state pensando di usare il CBD per la vostra condizione. Scritto da Zia Sherrell e revisionato dalla nostra esperta qualificata, Moyra Cosgrove, responsabile della nutrizione di Naturecan, nutrizionista registrata SENR e candidata al dottorato presso la LJMU.