spedizione gratuita su tutti gli ordini sopra i 20€ 💚

CBD E ALLATTAMENTO: È SICURO?

Dopo il parto arrivano le notti insonni, lo stress e l'ansia mentre il tuo corpo lavora per riequilibrare gli ormoni, e tu inizi ad adattarti alla vita con un neonato. Con le proprietà terapeutiche attive di sicuro aiuto, è sicuro tornare al CBD una volta nato il tuo bambino?

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), una donna su cinque soffre di depressione post-partum1. Aggiungete questo fatto spaventosamente preoccupante alla lista dei problemi fisici e psicologici che possono sorgere dopo il parto e non c'è da meravigliarsi che i nuovi genitori cerchino un sostegno extra durante questo periodo. Antidepressivi a parte, le persone che hanno bisogno di un modo naturale per combattere i dolori, lo stress e gli effetti collaterali più gravi del parto avranno senza dubbio visto le raccomandazioni positive sul CBD.

 Un estratto naturale della pianta di cannabis, il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide del nostro corpo - la funzione interna che mantiene l'equilibrio essenziale sostenendo una serie di processi vitali, come l'umore, l'appetito, il sonno e il dolore. Per questo motivo, il CBD sembra offrire una soluzione reale per le persone con problemi che vanno dalle notti senza riposo a condizioni sempre più debilitanti. Ma cosa dice la scienza quando si tratta di allattare il tuo bambino?

NOZIONI DI BASE SUL LATTE MATERNO

Gli endocannabinoidi prodotti internamente sono incredibilmente importanti quando si tratta dello sviluppo di un bambino, e si mettono in moto già nella fase embrionale per iniziare le funzioni essenziali legate alla crescita fetale. Una volta che il bambino è nato, e lo sviluppo continua fuori dall'utero, gli endocannabinoidi sono presenti nel latte materno.

 Questi composti promuovono una serie di processi vitali, dall'appetito al miglioramento del riflesso di suzione - insegnando al neonato la funzione essenziale di ricevere nutrimenti prima ancora che possa pensare da solo. Mentre è possibile provare che gli endocannabinoidi sono presenti nel latte materno, la scienza su quali cannabinoidi (quelli derivati dalla pianta di cannabis) possano farsi strada anche lì è ancora poco chiara.

 Poiché il CBD e altri cannabinoidi sono liposolubili, questi composti si legano strettamente al grasso, rendendo quasi impossibile misurarne la quantità. Ed è questa incertezza che ha il potenziale di causare problemi di salute al tuo bambino. Perché? La presenza di THC. Il CBD non è psicoattivo, a differenza del THC (tetraidrocannabinolo) - un componente chimico alterante che dà ai fumatori di marijuana il loro 'high'.

Durante l'estrazione, il CBD viene filtrato per rimuovere il THC, garantendo che il prodotto sia sicuro e privo di sostanze controllate. Tuttavia, piccole quantità di questo cannabinoide possono rimanere. Così, anche se innocuo per noi, sono queste tracce che possono trovare la loro strada nel latte naturale che fornisci attraverso l'allattamento.

cbd e allattamento

TRASMISSIONE DI THC

Uno studio pubblicato sulla rivista Obstetrics and Gynecology ha esaminato campioni di latte materno di otto soggetti anonimi che fanno regolarmente uso di cannabis e ha scoperto che i bambini dai tre ai cinque mesi, allattati al seno, hanno ingerito circa il 2,5% della dose materna di THC.

2 Per ragioni etiche, i ricercatori non hanno prelevato alcun campione di sangue per testare i livelli di THC, tuttavia si ritiene che ci sia un'alta probabilità che almeno alcune piccole quantità siano presenti in ogni bambino. Gli studi sull'esposizione prenatale al THC hanno scoperto che c'è un legame diretto con l'aumento degli esiti negativi per le donne e i loro bambini, come il basso peso alla nascita, il posizionamento nell'unità di terapia intensiva neonatale e la nascita pretermine.

3 Potete esplorare i fatti riguardanti il CBD e la gravidanza qui, tuttavia queste prove hanno portato a preoccupazioni simili su come il THC influenza lo sviluppo del neonato una volta trasmesso attraverso il latte materno, e per una buona ragione. Anche se molte altre ricerche devono essere completate prima che ciò possa essere verificato, ciò pone un'importante domanda: è possibile evitare l'esposizione al THC o a qualsiasi altro cannabinoide attraverso i tradizionali metodi di allattamento? Oppure, ci si dovrebbe astenere completamente?

 Quando molte neomamme decidono di interrompere i loro nove mesi di vita sana e godersi finalmente un bicchiere (o due) di vino, è ampiamente raccomandato di "pump and dump". Questo termine si riferisce all'atto di usare una pompa per rimuovere il latte materno che può essere stato contaminato dall'alcol prima di gettarlo via. Questo assicura che le poppate che il bambino riceve siano completamente sicure. Tuttavia, recenti rapporti medici suggeriscono che questa stessa pratica non si applica al THC, con le tracce della sostanza rilevate nel latte materno fino a sei giorni dopo l'ingestione. 4

decorations

SONO NECESSARIE PIÙ RICERCHE

Il CBD e il THC non sono la stessa cosa. Con vari studi e affermazioni sostenute scientificamente, i vantaggi dell'uso regolare del CBD sono impressionanti. Tuttavia, con il THC c'è la possibilità di effetti avversi una volta trasmessi ai neonati attraverso l'allattamento, in particolare legati al loro sviluppo.

 Tuttavia, soprattutto per motivi etici, c'è una chiara mancanza di ricerche per dimostrare questo pensiero in entrambi i casi. In sua assenza, la migliore linea d'azione è quella di seguire la guida del vostro medico, e nella maggior parte dei casi, questo significa astenersi da qualsiasi prodotto a base di CBD per salvaguardare la salute del vostro neonato.

Fonti:

1) Ko JY, Rockhill KM, Tong VT, Morrow B, Farr SL. Trends in Postpartum Depressive Symptoms — MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2017;66:153–158.

2) Baker, Teresa MD; Datta, Palika PhD; Rewers-Felkins, Kathleen MS; Thompson, Heather PhD; Kallem, Raja R. PhD; Hale, Thomas W. PhD - Transfer of Inhaled Cannabis Into Human Breast Milk, Obstetrics & Gynecology: May 2018 - Volume 131 - Issue 5 - p 783-788

3) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27048634

4)Anderson, O Phillip - Cannabis and Breastfeeding: Breastfeeding Medicine, 12(10), pp. 580–581